Siglato accordo integrativo settore chimico

(ANSA) – MILANO, 27 GIU – Un’intesa diretta tra la business unit della Chimica del Gruppo Mauro Saviola e le parti sindacali ha portato nella sede di Viadana (Mantova) alla firma dell’accordo integrativo del settore chimico tra il gruppo industriale e le sigle regionali e territoriali di Filctem – Cgil, Uiltec Uil, Femca Cisl, Rsu Bu Chimica. Ne da’ notizia la stessa societa’ in una nota. Il gruppo e’ composto da 4 business Unit: Saviola, Sadepan, Composad e Saviolife operanti rispettivamente nei settori del legno, della chimica, della produzione di mobili in kit e nel “Life science”, con un fatturato consolidato nel 2018 di oltre 600 mln e con oltre 1400 dipendenti distribuiti nei 13 siti produttivi in Italia e nel mondo.
“Dopo la contrattazione aziendale integrativa che ha riguardato le societa’ del Gruppo che fanno capo alla Business Unit Legno (GMS S.r.l, Sitapan S.r.l. e Composad S.r.l.) rinnovata a maggio 2019, oggi si e’ raggiunto un risultato analogo per il settore della chimica – ai legge nella nota -.
Questo per migliorare e consolidare le relazioni sindacali esistenti, anche ai fini della definizione di una nuova contrattazione aziendale di II livello, da applicarsi alla Bu Chimica, legandola anche a trattamenti specifici con l’introduzione di un nuovo sistema di incentivazione correlato a obiettivi di facile lettura con l’introduzione di un sistema di verifica accessibile a entrambi le parti, anche attraverso l’istituzione di commissioni paritetiche che avranno il compito di verificare periodicamente i dati su cui si basa il premio di risultato/produttivita’ variabile”.
Soddisfazione e’ stata espressa dal Presidente del Gruppo Alessandro Saviola: “si tratta di un risultato molto importante frutto di un lavoro condiviso e positivo tra azienda e sindacati che e’ durato molto tempo. Un accordo moderno che ha come stella polare la partecipazione dei lavoratori ai risultati dell’azienda e ai temi della sicurezza, nonche’ in prospettiva alle tematiche di welfare”. (ANSA).

 

 

Leggi gli articoli sulle testate principali: